hackerare profilo instagram

Se ti stai chiedendo come hackerare Instagram, probabilmente hai già in mente più di un motivo per cui tentare questo approccio poco ortodosso alla verità. Potrebbe, però, sorprenderti sapere che non sei l’unico a effettuare una ricerca di questo tipo e che Instagram e hack sono due parole che vengono continuamente accostate su Internet.

Infatti, sebbene possano esserci infinite ragioni dietro il desiderio di hackerare un profilo Instagram, in genere queste possono essere riassunte in 3 categorie.

Nella prima troviamo le coppie, le quali possono essere  composte da neo-fidanzati così come da persone sposate da anni, nelle quali si insinua il dubbio di una relazione adulterina da una delle due parti.

Nella seconda categoria troviamo i genitori che temono per la sicurezza dei propri figli e vogliono accertarsi che non mandino messaggi pericolosi, anche al costo di hackerare un account Instagram.

Infine troviamo i datori di lavoro che vogliono assicurarsi che non ci siano fughe di informazioni tramite i dispositivi aziendali.

In questo articolo daremo una risposta a queste e altre persone, scoprendo la migliore app per controllare Instagram. 

È possibile hackerare Instagram? 

È lecito porsi questa domanda, d’altronde se fosse così facile hackerare un profilo privato di Instagram, l’app stessa sarebbe sommersa dai reclami. Più persone utilizzano un servizio più aumenta il desiderio di scoprire le loro conversazioni, per questo i social più famosi hanno adottato dei sistemi di sicurezza all’avanguardia per contrastare l’Instagram password hack (ovvero i metodi per carpire la password di Instagram).

Detto questo, ogni sistema ha le sue debolezze, e gli hacker gareggiano per premi in denaro alla ricerca di punti di accesso lasciati scoperti, come nel caso di Laxman Muthiyah, che ha vinto diversi premi proprio in questo modo.

Esistono quindi diverse soluzioni che possono essere adottate, le quali hanno diverse percentuali di successo e applicazioni. Vediamone insieme alcuni. 

Quali sono i metodi per l’Instagram hack?

Come avrai modo di vedere in seguito, la miglior freccia al tuo arco è un’app per rubare la password di Instagram o per ottenere direttamente l’accesso al social. Avremo modo di vedere in seguito un esempio concreto di un’app di questo tipo, ma al momento vediamo quali altre soluzioni hai a disposizione sul come hackerare un profilo Instagram.

A parte le app per scoprire le password di Instagram, infatti, il consiglio è quello di sfruttare le debolezze del sistema stesso, come è già stato fatto in passato. 

instagram password hack

Hackerare un account indovinando la password 

Cominciamo con il metodo sicuramente più rustico per hackerare Instagram, ovvero l’arte dell’indovinare la password. Per quanto sia una delle informazioni più importanti per ogni utente di Internet, le persone tendono a usare le stesse password per i vari account.

Per questo può valere la pena tentare di indovinare la password dell’account, se siamo già a conoscenza delle altre informazioni.

Tra le password più utilizzate secondo un’analisi del Corriere troviamo:

  • 123456789 (e variabili con meno cifre)
  • Qwerty
  • Password
  • La data di nascita/anniversario

Naturalmente anche conoscere la password è un sistema con un limite, in quanto se l’utente ha attivato il riconoscimento in due fattori, riceverà una notifica su telefono che manderà a monte il nostro piano.

Hackerare un profilo Instagram con la funzione “Password Dimenticata”

Chiunque ci ha provato prima o poi: provare a usare la funzione “Password Dimenticata” per accedere a un account diverso dal proprio. Il concetto è semplice: una volta comunicato al sistema di non ricordare la password, questo invierà un link per il reset all’email o il numero di telefono collegati.

Qualora avessimo il controllo su uno di questi due sistemi, l’accesso è garantito, ma è lecito chiedersi come sia possibile accedere all’email e non all’account Instagram. 

come hackerare instagram

Aprendo l’archivio delle password salvate

Sapevi che sia i dispositivi Android che quelli iOS sono dotati di un archivio di password? Questo permette un accesso più veloce e automatico ai vari siti e applicazioni e spesso gli utenti lo attivano per comodità di utilizzo.

Accedendo a questo archivio è quindi possibile trovare la password di cui abbiamo bisogno, ma anche questo metodo ha il suo rovescio della medaglia: non solo è soggetto al riconoscimento in due fattori, ma richiede un accesso al dispositivo fisico.

Allo stesso modo funzionano le app spia, le quali però sono molto più efficienti sotto questo punto di vista.

Usando il phishing 

Con il termine phishing si indica una delle tipologie di truffe più diffuse in assoluto su Internet: tramite un’email o un messaggio su un sistema di messaggistica istantanea, il truffatore finge di vestire i panni di una banca o un altro personaggio degno di fiducia per spingere il bersaglio a cliccare su un link che contiene uno spyware.

Questo sistema oltre a essere meno efficiente su un bersaglio specifico (in genere viene usato su migliaia di indirizzi email alla volta per raggiungere i meno attenti), richiede una grande conoscenza di informatica o un enorme investimento di denaro.

Inoltre con tutta la sensibilizzazione che è avvenuta nel corso degli anni contro il Phishing, questo metodo diventa sempre meno efficace rispetto che in passato. 

Hackerare un account Instagram usando la Forza Bruta

Esistono inoltre programmi come InstaRipper che dovrebbero permette di recuperare la password semplicemente provando tutte le password possibili automaticamente. Lo svantaggio di questo metodo è sicuramente la sua lentezza, inaffidabilità e consumo del computer in quanto richiede un dispositivo con una certa potenza di calcolo per funzionare.

Inoltre, ancora una volta, ricordiamo che scoprire la password di un account è pressoché inutile qualora sia presente un sistema di riconoscimento in due fattori.

app per rubare password instagram

Come hackerare Instagram con mSpy? 

Time needed: 15 minutes.

Arriviamo così a parlare del metodo sicuramente più efficace e con meno rischi di quelli visti fino a questo momento. Si tratta di un’applicazione spia nata per permettere un controllo pressoché completo del dispositivo su cui viene installato (in seguito vedremo insieme alcune sue funzioni).
Il concetto dietro il quale ruota attorno mSpy è piuttosto semplice: si tratta di un’applicazione che, una volta acquistata, viene scaricata a installata sul dispositivo bersaglio. Un processo che richiede non più di cinque minuti ma che permette di controllarlo a distanza per quanto tempo vuoi.
Vediamo insieme i tre passi necessari per iniziare ad hackerare Instagram. 

  • Passo 1. Compra mSpy

    Il primo passo, come abbiamo detto in precedenza, è legato all’acquisto. Al contrario dei tanti metodi promessi online che sono apparentemente gratuiti e mettono a rischio la tua sicurezza e quella della persona che vuoi spiare, mSpy offre un costo mensile o annuale (in base a quanto tempo vuoi utilizzarlo) e gode di ottime recensioni online che ne confermano la qualità.
    Una volta registrato l’account potrai quindi scegliere il pacchetto che si presta meglio a quello che cerchi e procedere immediatamente al download dell’applicazione.

  • Passo 2. Installazione e configurazione

    Una volta che avrai il tuo account (assicurati che la persona che vuoi spiare non possa aver accesso alla casella email legata all’applicazione), arriva la parte da vera spia: dovrai infatti procurarti il telefono bersaglio per qualche minuto in modo da poter installare l’applicazione.
    Per quanto possa sembrare un rischio superfluo e tu possa desiderare una soluzione che non ti costringa a correrlo, al momento non esistono metodi di hacking efficienti che non richiedano il contatto almeno temporaneo con il dispositivo bersaglio.
    Fortunatamente nel nostro caso si parla di non più di 5 minuti, durante i quali è possibile fingere una telefonata di emergenza mentre il nostro telefono è scarico, così da non generare sospetti.
    Dopo averla installata, non ti resta che configurarla con il processo guidato affinché risponda alle tue esigenze. 

  • Passo 3. Comincia a controllare il dispositivo

    Ora non ti resta che goderti l’attività di spionaggio: potrai infatti accedere al dispositivo da qualsiasi browser e verificare ogni singolo aspetto del telefono, non solo l’account Instagram in ogni suo particolare. 

Quali funzioni ti dà un’app per controllare Instagram? 

Come abbiamo detto in precedenza, mSpy ti permette di ottenere molto di più che un semplice controllo dell’app di Instagram. Tra le varie funzioni che possono essere sfruttate dopo la sua installazione, infatti, troviamo:

  • Possibilità di controllo su tutti i social network.
  • Accesso ai contatti e i messaggi, anche quelli cancellati.
  • Cronologia delle chiamate e della loro durata.
  • Navigazione web e blocco di determinati siti.
  • Tracciamento della posizione tramite sistema GPS.

La presenza di più funzioni rispetto a quelle strettamente necessarie è ottima, in quanto permette all’app di adattarsi alle diverse esigenze dell’utente. 

In conclusione: due parole sulli Instagram hack

In questo punto finale, vogliamo ricordare che il conoscere il funzionamento di un’app spia è necessaria sia nel caso in cui tu voglia utilizzarla nel modo corretto e senza abusare delle sue funzioni (talvolta la via verso la verità è irta di gesti poco piacevoli da compiere), sia per capire con esattezza qual è il miglior modo per difendersi da questi sistemi di spionaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *